Comunicare con Fornitore? Fornitore
Thomas Tang Mr. Thomas Tang
Cosa posso fare per te?
Chatta adesso Contattare il Fornitore

Pavimenti vinilici in polimero di pietra

Home > Elenco prodotti > Pavimenti vinilici in polimero di pietra
categoria articolo di Pavimenti vinilici in polimero di pietra, siamo produttori specializzati provenienti dalla Cina, Pavimenti vinilici in polimero di pietra, Pavimenti in polimero di pietra fornitori / fabbrica, il commercio allingrosso di alta qualità prodotti di Pavimenti in composito di polimeri di pietra R & S e produzione, abbiamo il perfetto servizio e supporto tecnico post-vendita. Aspettiamo la vostra collaborazione!
Vedi come :

Cina Pavimenti vinilici in polimero di pietra Fornitori

Con tutti i vantaggi della pavimentazione vinilica Stone Polymer, puoi capire perché questo è un materiale molto apprezzato! Dai gradini ammortizzanti all'anima anti-ammaccatura e impermeabile, non puoi sbagliare con Stone Polymer Flooring, che si tratti di una casa trafficata, di una proprietà in affitto o di un'azienda.

 

Effetti visivi sbalorditivi: i pavimenti compositi in polimero di pietra possono avere una varietà di aspetti, trame e stili. È difficile credere che siano in vinile!

• Completamente impermeabile: questo è uno dei fattori principali nella scelta del vinile SPC. È impermeabile al 100%, il che significa che può essere installato in cucine, bagni, lavanderie e ristoranti senza preoccupazioni!

• L' installazione è un gioco da ragazzi: Stone Polymer Composite è un sistema di installazione a scatto e blocco. Il suo metodo di installazione è simile al vinile convenzionale e al laminato con installazione maschio e femmina. Non sono necessari colla o strumenti aggiuntivi! Questo è il pavimento fai-da-te quotidiano.

Facile da mantenere: i pavimenti in composito di polimeri di pietra avranno gli stessi requisiti di pulizia e manutenzione del normale vinile. Queste schede sono progettate per essere facili da pulire e pulire regolarmente.

Elenco prodotti correlati

Casa

Phone

Skype

inchiesta